CORONA VIRUS: Domande & Risposte con il Dottor Giuseppe De Donno

242 Condivisioni

Ai microfoni di CurtaTune il Dott. Giuseppe  De Donno, primario della struttura complessa di Pneumologia dell’Ospedale “Carlo Poma” di Mantova risponde alle domande degli ascoltatori sull’emergenza Corona Virus.

In maniera chiara ed esaustiva, il primario De Donno spiega come l’Ospedale si è attrezzato per far fronte al Corona Virus, quali sono i sintomi e le possibile ipotesi su come si sia generato, infine quali cure sono attualmente in essere per sconfiggere questo letale e invisibile nemico, con un appello finale: non siamo mammalucchi e riusciremo a sconfiggerlo, ma per farlo dobbiamo restare a casa ed avere un comportamento il più possibile responsabile.

 

 

242 Condivisioni

3 pensieri su “CORONA VIRUS: Domande & Risposte con il Dottor Giuseppe De Donno

  1. bellissima intervista ,grazie a chi l’ ha voluta, grazie a tutti gli operatori sanitari (sono una oss su domiciliare) non siamo degli eroi ma sono persone che mettono la vita e la persona davanti a tutto portando rispetto e affetto. I mammalucchi sono ancora troppi ,il loro comportamento è sintomo d ‘ egoismo e non aiuta nessuno . Buon lavoro!!! Annunciata

  2. Voglio fare i miei complimenti più sinceri al dott. DE DONNO e naturalmente a tutta la sua equipe, per aver dimostrato sincerita, professionalità, e tenacia umile ma incisiva delle proprie dimostrazioni di validita della terapia sierologica che fa migliorare e guarire le persone da questo bastardo virus, che mutando continuamente non lascia spazio ai vaccini, testandoli al momento attuale come validi magari,per poi rivelarsi inefficenti, visto il mutare continuo del coronavirus, scrivo questo per la mia felicità, nel vedere il nostro presidente LUCA ZAIA fare proprio oggi l’annuncio di voler addottare, i nvitando tutti i guariti da coronavirus, senza peraltro obbligare nessuno a donare il loro plasma per attivare questo sistema terapeutico, anche se potrà dispiacere molto alle grandi case farmaceutiche che già assaporavano la nuova ricchezza materiale, tra l’altro con estrema insicurezza sugli effetti collaterali, visto anche il pochissimo tempo a disposizione; un rinnovato augurio con lo slogan “IL POPOLO può aiutare e salvare i propri fratelli, dimostrando che l’amore non ha ostacoli, distinti auguri e saluti da un settantenne di VILLORBA TREVISO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *