Musica

Consigli musicali: gli album di giugno 2018

Consigli musicali: gli album di giugno 2018

L’estate è appena iniziata, e se tante sono le canzoni appena uscite che ci accompagneranno in questa calda stagione, sono altrettanto numerosi gli album che hanno visto la luce nel mese di giugno. Abbiamo quindi selezionato per voi alcune tra le uscite più interessanti di questo mese, in modo da non lasciarvele sfuggire! Buon ascolto!


Morcheeba
BLAZE AWAY

Skye & Ross LTD
Data di pubblicazione: 1 giugno 2018
Blaze Away segna il ritorno dei Morcheeba sulle scene musicali dopo l’album Head up high del 2013. In mezzo ci sono stati la departita di uno dei tre componenti della band, e un album pubblicato a nome Skye and Ross, nel 2016. Nel nuovo lavoro, si ritrova il classico stile della band, fatto di musiche suggestive in pieno stile trip hop e fascinazioni pop, a metà strada tra suoni acustici e ritmi esotici. La voce di Skye Edwards è sempre intensa e preziosa, e si muove alla perfezione nelle atmosfere calde e notturne di questo disco. Blaze away è il risultato di una formula ormai consolidata che, dopo alcuni progetti paralleli, viene ritrovata con immutato sile.
Natalie Prass
THE FUTURE AND THE PAST

ATO Records / PIAS
Data di pubblicazione: 1 giugno 2018
Con il primo, omonimo album del 2015, Natalie Prass si pone all’attenzione dei media grazie a uno stile musicale raffinatissimo e a una classe da grande songwriter. Nel 2016 la cantautrice ha già pronte le canzone per il secondo disco, ma al momento delle registrazioni, cambia tutto: le elezioni americane la spingono a ripensare completamente il concept, e nasce The future and the past, album un po’ ribelle, un po’ retrò, un po’ arrabbiato, un po’ femminista. In questo nuovo lavoro, l’artista si ispira alla musica anni ’70 e ‘80, alla musica pop, al soul e al r’n’b, con atmosfere a tratti quasi funk o addirittura disco. The future and the past è un album quindi molto eclettico, dai sapori differenti, e dove la penna della talentuosa songwriter è sempre intensa e riconoscibilissima.
Lily Allen
NO SHAME

Parlophone
Data di pubblicazione: 8 giugno 2018
No shame può essere considerato l’album più importante di Lily Allen, non tanto per il successo che potrà eventualmente avere, o per le aspettative di critica e pubblico (che sono comunque alte), ma perché è l’album che probabilmente segnerà la svolta artistica della cantautrice. Il precedente album Sheezus, particolarmente poco amato sia da critica che da pubblico, riproponeva una cantautrice irriverente e scanzonata, mentre nel nuovo lavoro si scopre un’artista che si guarda dentro e mette a nudo tutte le proprie fragilità e debolezze. Così, mentre le musiche, coadiuvate da grandi nomi del panorama musicale, diventano mature e intense, i temi trattano argomenti spigolosi e delicati che la riguardano in primo piano. No shame rappresenta senza dubbio una tappa focale della carriera di Lily Allen che, con questo nuovo lavoro, ha sicuramente ritrovato la propria ispirazione artistica.
Lykke Li
SO SAD SO SEXY

LL Recordings / RCA Records
Data di pubblicazione: 8 giugno 2018
Lykke Li torna, a quattro anni dal precedente I never learn, con un album che riprende il discorso da dove la cantautrice scandinava l’aveva lasciato, e lo porta verso territori nuovi. La musica di Lykke Li, caratterizzata da uno stile classificabile come dark pop, fatto di suoni grevi, algidi, e talvolta cupi, si arricchisce in questo nuovo capitolo, di elementi dream pop e addirittura black. E l’approccio alla black music non si percepisce solo nelle musiche, ma anche nei testi e nell’ approccio soul della scrittura. Lykke Li non stravolge il suo stile, ma di volta in volta lo conduce in nuovi spazi, rimanendo sempre se stessa e rinnovandosi sempre.
The Carters
EVERYTHING IS LOVE

Parkwood Entertainment LLC / Sony Music Entertainment / SC Enterprise / Roc Nation
Data di pubblicazione: 15 giugno 2018
Di questo album si è parlato tantissimo, da quando Jay Z e Beyoncé affermarono di voler mettere su disco la loro riappacificazione, dopo i problemi conseguenti alle scappatelle del rapper. Ora, a sorpresa esce Everything is love, l’album che i signori Carter pubblicano per celebrare la ritrovata serenità. E più che una celebrazione è una vera e propria esaltazione, dove i coniugi raccontano il loro rapporto con i media, con la comunicazione popolare, e con loro stessi.
Non lasciano punti di domanda in sospeso, e non utilizzano mezzi termini in questo disco, che non stravolge di certo lo stile musicale dei due artisti, ma lo conferma. E dopo l’incredibile successo di critica e pubblico degli album Lemonade e 4:44, è una conferma di grande livello.
Gorillaz
THE NOW NOW

Parlophone
Data di pubblicazione: 29 giugno 2018
Il nuovo album dei Gorillaz giunge ad appena un anno dal precedente Humanz, e rappresenta un capitolo nuovo per la virtual band di Damon Albarn. The now now è un lavoro più compatto e più omogeneo rispetto al precedente lavoro, e con meno ospiti: (nel precedente disco quasi tutte le canzoni presentano un featuring,). La cabina di produzione, che include james Ford dei Simian Mobile Disco fa sterzare il suono dei Gorillaz verso atmosfere funky, acid, e persino disco, in pieno stile anni ’80. Un revival che gode di rinnovato interesse in questi tempi, e di si fa portavoce questo album , del quale il già frontman dei Blur è apparso gelosissimo. The now now è quindi il nuovo tassello coloratissimo alla già variegata musica dei Gorillaz.
Florence + The Machine
HIGH AS HOPE

Virgin EMI Records
Data di pubblicazione: 29 giugno 2018
Sono passati tre anni da How big, how blue, how beautiful, lavoro che lasciava intravedere un’orizzonte nuovo nella musica dei Florence + the Machine capitanati dalla carismatica Florence Welch, ovvero quello di uno stile rock meno pomposo e più intimo. Questo nuovo capitolo conferma la strada intrapresa dalla band, e abbandonate certe maestosità dei primi due album, i brani diventano affreschi suggestivi, nudi, e anche sofferti, ma a differenza del precedente lavoro, dove la sofferenza comunicava qualcosa di urgente, qui il linguaggio diventa riflessivo. E la musica, a tratti essenziale, dei Florence, si arricchisce di elementi più sperimentali, che potrebbero farci capire i prossimi passi della carriera dei bravissimi Florence + the Machine.
2 Condivisioni

Stefano

luglio 3rd, 2018

No comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *